fbpx

Bonus auto elettriche: qual è la situazione attuale?

Bonus auto elettriche: qual è la situazione attuale?

Molto richiesto e per questo rifinanziato, il nuovo bonus auto elettriche è disponibile per alcune categorie di veicoli. Una novità l’ecobonus acquisto auto usate

I nuovi bonus auto elettriche per l’acquisto di veicoli a emissioni ridotte sono disponibili dal 14 settembre. La prima tranche di fondi era finita ad agosto e il Governo aveva promesso un rifinanziamento.

Con il decreto Infrastrutture sono stati, infatti, riallocati 57,5 milioni di euro per l’acquisto di auto elettriche e ibride plug-in. La categoria interessata è, però, quella con emissioni 0-60 g/km di CO2. Il nuovo ecobonus riduce anche l’incentivo, che può arrivare fino a 6.000 euro, mentre prima era fino a 10.000 euro.

Sono disponibili, poi, ancora diverse settimane i contributi sull’acquisto di auto nuove con emissioni 61-135 g/km con rottamazione (1.500 euro statali + 2.000 euro del concessionario). A partire dal 28 settembre, inoltre, sono aperte le prenotazioni per acquisto auto usate.

Ecobonus è la misura promossa del Ministero dello Sviluppo Economico che offre contributi per l’acquisto di veicoli a ridotte emissioni, così come previsto dalla Legge di Bilancio 2019. La misura è un provvedimento che ha una finalità tutta ambientale, andandosi a integrare alla vigente normativa europea sulla qualità dell’aria e dell’ambiente.

Bonus auto elettriche 2021 fino a 60 g/km di CO2

I 57 milioni di euro nel fondo che prevede l’ecobonus fino a 6.000 euro per acquisto di auto a basse emissioni sono risorse inizialmente stanziate per l’extra-bonus con la legge di conversione del decreto Sostegni bis.

Questa la suddivisione degli incentivi:

  • 0-20 g/km: 6.000 euro con rottamazione e 4.000 euro senza rottamazione
  • 21-60 g/km: 2.500 euro con rottamazione e 1.500 euro senza rottamazione

Bonus auto con emissioni fino a 135 g/km di CO2

Non cambia niente per i contributi sull’acquisto di auto nuove con emissioni 61-135 g/km con rottamazione (1.500 euro statali + 2.000 euro del concessionario), per i quali si stimano ancora diverse settimane di disponibilità dei fondi.


Ti potrebbe interessare: Auto elettriche: boom di vendite, ma il passaggio all’elettrico è difficile

Sono stati prolungati i termini per il completamento delle prenotazioni in corso per i veicoli di categoria M1, M1 speciali, N1 e L. Per quelle inserite sulla piattaforma dal 1 gennaio al 30 giugno 2021 sarà possibile fino al 31 dicembre 2021, mentre per quelle inserite dal 1 luglio al 31 dicembre 2021 sino al 30 giugno 2022.

Come richiedere il bonus auto elettriche

La prenotazione degli ecoincentivi da parte dei concessionari sulla piattaforma Ecobonus è disponibile sulla piattaforma ecobonus.mise.gov.it. Dal 14 settembre si è aperta, come già detto, la possibilità di prenotare gli incentivi per l’acquisto di veicoli con emissioni 0-60g/km di CO2.

Ecobonus acquisto auto usate

La vera novità del 2021 sul fronte degli ecoincentivi auto è rappresentata dall’apertura alle auto usate. Devono, però, rispettare alcuni requisiti fondamentali: i veicoli devono essere a basse emissioni, occorre rottamare e l’auto usata deve essere acquistata presso i concessionari.

A partire dal 28 settembre 2021 i concessionari possono accedere sulla piattaforma per inserire le prenotazioni degli incentivi per l’acquisto di veicoli di categoria M1 usati a basse emissioni.


Ti potrebbe interessare: Classe ambientale auto: come conoscerla

Per questo nuovo incentivo sono stati messi a disposizione 40 milioni di euro per l’acquisto di un veicolo usato di classe euro non inferiore a 6, con un prezzo risultante dalle quotazioni medie di mercato non superiore a 25.000 euro e con emissioni comprese tra 0-160 g/km CO2.

Il contributo è riconosciuto solo con rottamazione e si differenzia a seconda della fascia di emissioni del veicolo usato che si acquista:

  • 0-60 g/km: 2.000 euro
  • 61-90 g/km : 1.000 euro
  • 91-160 g/km: 750 euro

Ti potrebbe interessare: Noleggio Lungo Termine auto usate: veicoli come nuovi

Il veicolo rottamato dovrà essere della medesima categoria di quello acquistato, immatricolato da almeno 10 anni e intestato da almeno 12 mesi all’acquirente o ad un familiare convivente.

Noleggio Lungo Termine, l’alternativa all’acquisto

Anche le società di noleggio si stanno adeguando a questi cambiamenti e stanno proponendo auto ibride ed elettriche. Nonostante il mercato auto in Italia continui a vivere un periodo un periodo di grande difficoltà, il renting regge bene e si è attivato per superare le difficoltà.

La risposta del settore, infatti, è stata quella di rimodulare i servizi, rendendoli ancora più flessibili (vedi Noleggio a Lungo Termine km illimitatiPay-per-Use, quasi in anticipo rispetto alle esigenze della domanda, e ampliare l’offerta di veicoli di nuova generazione.

Il Noleggio Lungo Termine è la soluzione che rivoluziona il concetto di mobilità. Scegliendo questa formula si può godere di una serie di vantaggi e liberarsi da tutte le incombenze legate alla gestione di un’auto di proprietà.

×

Powered by WhatsApp Chat

× Hai bisogno di aiuto?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi