fbpx

Limiti velocità autostrade: quali sono

Limiti velocità autostrade: quali sono

Le disposizioni in merito ai limiti velocità autostrade italiane sono delineate dall’articolo 142 del Codice della Strada. Cambiano in base ad alcuni parametri e dei veicoli

Il rispetto dei limiti velocità autostrade è alla base della sicurezza stradale. L’obiettivo, infatti, non è solo evitare sanzioni, ma soprattutto garantire la sicurezza per sé, per i passeggeri e per gli automobilisti. Conoscere la velocità massima consentita a seconda della strada è, dunque, molto importante.

In Italia, le disposizioni in merito sono delineate dall’articolo 142 del Codice della Strada. Al suo interno sono fissati sia i limiti di velocità massimi, ovvero quelli che non devono essere superati, sia i limiti minimi, obbligatori per mantenere la circolazione fluida.

Altre particolarità riguardano gli adattamenti in relazione alle condizioni meteorologiche e alle caratteristiche del conducente, come l’età e l’esperienza di guida. Nei casi dei neopatentati, ad esempio, i limiti massimi sono ridotti per garantire una maggiore sicurezza stradale.

Limiti velocità autostrade italiane

Per i conducenti esperti il limite massimo è di 130 km/h. La soglia si riduce a 100 km/h per i neopatentati, ovvero coloro che hanno la patente da meno di tre anni. 

In caso di precipitazioni atmosferiche il limite si abbassa a 110 km/h, mentre con nebbia la velocità massima è addirittura 50 km/h. Ovviamente è possibile trovare limiti imposti in presenza di cantieri stradali.


Ti potrebbe interessare: Nuovo codice della strada: tutte le novità in arrivo

Sempre nelle autostrade con almeno tre corsie esistono poi anche dei limiti minimi, fissati per fare sì che i veicoli lenti non creino intralcio. Nella terza corsia, quella di sorpasso, l’andatura minima è di 90 km/h, in quella centrale di 60 km/h, mentre nella terza il limite non c’è. 

Infine, bisogna specificare che i limiti velocità autostrade sono parametrati anche in base alle diverse categorie di veicoli:

  • autovetture con rimorchi/caravan e autotreni 80 km/h
  • macchine agricole e macchine operatrici 40 km/h con pneumatici, 15 km/h in tutti gli altri casi
  • autobus a pieno carico 100 km/h.

Tolleranza e multe

Il Codice della Strada prevede sanzioni in caso di mancato rispetto dei limiti, a seconda della gravità del superamento:

  • se il limite è superato entro i 10 km/h la sanzione è soltanto pecuniaria, con importo compreso tra 42 e 173 €. Non è prevista la decurtazione dei punti dalla patente
  • se si superano i 10 km/h, ma entro i 40 km/h, l’importo della sanzione varia da un minimo di 173 a un massimo di 695 €, con taglio di 3 punti dalla patente
  • oltre i 40 km/h, ma non più di 60 km/h, la sanzione sale e varia tra 544 e 2.174 €, con taglio di 6 punti e la sospensione della patente da uno a tre mesi. Se l’infrazione è ripetuta più di una volta nel corso di un biennio la patente è sospesa da otto a diciotto mesi
  • se si supera il limite di velocità di 60 km/h e oltre si pagano da 847 a massimo 3.389, con taglio di 10 punti e la sospensione della patente da sei a dodici mesi. Se l’infrazione è ripetuta più di una volta nel corso di un biennio la patente è revocata.

Tutte le sanzioni amministrative pecuniarie sono aumentate di un terzo quando la violazione è commessa dopo le ore 22 e prima delle ore 7.


Ti potrebbe interessare: Punti patente: come funziona e cosa cambierà

Le sanzioni possono, inoltre, essere raddoppiate e accompagnate da decurtazioni dei punti dalla patente nel caso in cui il veicolo non sia conforme alle normative vigenti o se il conducente sia stato precedentemente multato o sanzionato.

Quando a superare i limiti velocità autostrade è un neopatentato l’importo della multa rimane invariato rispetto a quella inflitta a un conducente esperto, ma cambia la decurtazione dei punti dalla patente. Vanno infatti incontro al taglio di: 6 punti nel caso di superamento del limite massimo di velocità entro 10 km/h, 12 punti nel caso di superamento entro 40 km/h e 20 punti o più nel caso di superamento di oltre 60 km/h.

Infine, quando la velocità è rilevata con i dispositivi elettronici come gli autovelox si applica una riduzione del 5% al valore rilevato dall’apparecchiatura, con un limite minimo di 5 chilometri orari.

Scopri alcune soluzioni di noleggio

Fiat Panda Noleggio Lungo Termine senza anticipo con Key Renting
Opel Corsa Noleggio Lungo Termine senza anticipo con Key Renting
Jeep Avenger Noleggio Lungo Termine senza anticipo con Key Renting
Furgoni e Veicoli Commerciali Noleggio Lungo Termine con Key Renting
Audi Q3 Noleggio Lungo Termine senza anticipo con Key Renting
BMW X1 Noleggio Lungo Termine senza anticipo con Key Renting
×