fbpx

Revisione auto: scadenza prorogata ad ottobre

Revisione auto: scadenza prorogata ad ottobre

L’emergenza Coronavirus ha investito il settore dell’automobile anche dal punto di vista amministrativo, compresa la revisione auto

Il  Decreto Cura Italia varato dal Governo contiene anche misure per i guidatori, tra cui la proroga della data per la revisione auto. Infatti tutti i veicoli che dovevano essere revisionati entro il 31 luglio 2020 sono autorizzati a circolare tranquillamente fino al 31 ottobre. È questa, dunque, la nuova data di scadenza.

Nel dettaglio la proroga per la revisione auto

  • i veicoli con regolare scadenza della revisione a marzo 2020, aprile 2020, maggio 2020, giugno 2020 e luglio 2020 saranno da revisionare entro il 31 ottobre 2020
  • i veicoli con regolare scadenza del controllo ministeriale ad agosto 2020 saranno da revisionare entro il 31 agosto 2020
  • i veicoli con regolare scadenza del controllo ministeriale a settembre 2020 saranno da revisionare entro il 30 settembre 2020

I mezzi che devono obbligatoriamente essere sottoposti a revisione sono, invece, autocarri di massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate, rimorchi con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate, taxi, veicoli adibiti a noleggio con conducente, autobus, autoambulanze, veicoli atipici.

Di regola la prima revisione di un nuovo veicolo deve essere fatta dopo 4 anni dalla prima immatricolazione. Successivamente devono essere effettuate ogni 2 anni, entro la fine del mese in cui è stata fatta la revisione precedente, sempre in base alle regole di periodicità previsto per il tipo di veicolo da revisionare. Chi circola con un mezzo privo della revisione periodica auto va incontro ad una sanzione amministrativa.


Ti potrebbe interessare: Coronavirus: come viaggiare in auto e misure su rinnovo patente e revisione

Nel Decreto è prevista anche la proroga per il rinnovo della patente. Ricordiamo che l’invito generale è quello di stare a casa, ma si può andare a lavoro, fare la spesa o muoversi per ragioni di salute. Bisogna avere un’autocertificazione che attesti un motivo valido. Chi non rispetta queste regole si imbatte in denunce e sanzioni amministrative.

× Hai bisogno di aiuto?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi