fbpx

Coronavirus: come viaggiare in auto e misure su rinnovo patente e revisione

Coronavirus: come viaggiare in auto e misure su rinnovo patente e revisione

Arriva il Decreto Cura Italia per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Novità per il rinnovo della patente e per le revisioni.  Le regole per circolare in auto

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ha stabilito che per uscire di casa, in questo momento di emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, bisogna avere un’autocertificazione che attesti un motivo valido. L’invito generale è quello di stare a casa, ma si può andare a lavoro, fare la spesa o muoversi per ragioni di salute.

Per spostarsi in auto non è prevista nessuna limitazione se si sta con familiari conviventi. Se, invece, si viaggia con altre persone bisogna rispettare la distanza di sicurezza di un metro, quindi il passeggero deve stare dietro. In realtà nelle auto più piccole questa distanza è difficile da mantenere. Per lo scooter, vista l’impossibilità di mantenere una minima distanza, è permesso portare solo un convivente. Chi non rispetta queste regole si imbatte in denunce e sanzioni amministrative. 

Per quanto riguarda l’uso della mascherina e dei guanti in auto, come ha anche precisato Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), non ha senso indossarli se si viaggia con i conviventi. Diverso il discorso se si viaggia con altri. Il consiglio resta quello di evitare gli spostamenti, lavarsi le mani ed, eventualmente, disinfettare le superfici.

Coronavirus Decreto Cura Italia, le misure per rinnovo patente e revisione

Il Decreto Cura Italia contiene anche misure per i guidatori. Nel testo non si fa, però, riferimento al bollo auto, la cui scadenza è prevista come sempre, in linea generale, per aprile, con i 30 giorni successivi per regolarizzare il pagamento.


Ti potrebbe interessare: Nuovo Codice della Strada 2020: tutte le novità

Per quanto riguarda il rinnovo della patente, è prorogata la validità del documento fino al 31 agosto 2020. La misura è stata presa per evitare gli assembramenti negli uffici aperti al pubblico. Anche la revisione è slittata. La scadenza del 31 luglio è prorogata al 31 ottobre 2020.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi