fbpx

Bollo auto: nessuna cancellazione del pagamento

Bollo auto: nessuna cancellazione del pagamento

Draghi non cancella il pagamento del bollo auto. Il nuovo Decreto Sostegno potrebbe, però, andare incontro agli automobilisti che hanno pendenze. Facciamo chiarezza

Non c’è nessuna cancellazione del pagamento del bollo auto. Vi sarà capitato di leggere titoli del tipo: “Draghi cancella il bollo auto”. Ma quella che gira in questi giorni è solo una notizia falsa. Da dove parte questa storia bufala

Pare che il Presidente del Consiglio, con il nuovo Decreto Sostegno che verrà emanato in questi giorni, voglia proporre una pace fiscale anche per i mancati pagamenti bolli auto e multe arretrate. Quindi Mario Draghi non ha nessuna intenzione di cancellare il bollo auto.

Decreto Sostegno bollo auto e multe

La misura, non ancora ufficiale, verrebbe varata per andare incontro a coloro che, a causa dell’emergenza causata da Coronavirus, sono in difficoltà economiche. Tra le diverse misure previste ci sarebbe una pace fiscale per gli automobilisti.

L’ipotesi è di cancellare le cartelle esattoriali dal 2000 al 2015 per importi massimi fino a 5 mila euro, comprese sanzioni e interessi.

Se la misura dovesse rientrare nel decreto Sostegno i debiti con il fisco degli automobilisti che non hanno pagato il bollo o multe relativi al periodo si cancelleranno automaticamente. Per quanto riguarda le cartelle superiori ai 5 mila euro, il governo Draghi è al lavoro per una nuova rottamazione o saldo e stralcio. L’idea, anche in questo caso è quella  di dilazionare il pagamento o agevolare con uno sconto percentuale per ridurre il carico sui cittadini insolventi.


Ti potrebbe interessare: Bollo auto: tutte le novità 2020

Buone notizie dunque per chi ha di queste pendenze. Dunque nessuna intenzione di cancellare il bollo auto, che sarà da pagare alla scadenza fissata, come sempre.

Restando in tema di misure in merito all’emergenza Covid, è appena entrata in vigore il nuovo regolamento sulla proroga per la revisione auto e il rinnovo della patente, con una proroga di dieci mesi per mettersi in regola.

Scadenze bollo. Proroga per tre regioni

Il bollo auto deve essere pagato ogni anno, entro il mese successivo a quello dell’immatricolazione della vettura. Per il calcolo si parte dai kilowatt della vettura (sono indicati nel libretto di circolazione) e la classe ambientale.

La data di scadenza per il pagamento del bollo auto, quindi, cambia per tutti i veicoli. Il rinnovo annuale deve essere eseguito solitamente entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza. Se, per esempio, scade ad aprile deve essere pagato dal 1° al 31 maggio 2021.

Tre regioni, però, hanno deliberato la proroga del pagamento. In Campania, infatti, il pagamento del bollo auto è stato prorogato al 31 maggio per le scadenze che cadono tra il 19 gennaio e il 30 aprile 2021.

In Emilia Romagna il pagamento del bollo auto è sospeso per chi aveva la tassa in scadenza tra il 1° dicembre 2020 e il 31 gennaio 2021 (proroga al 31 marzo 2021). In Veneto, invece, si è deciso di sospendere il pagamento del bollo auto con scadenza tra il 1° gennaio e il 30 maggio 2021, con proroga fissata al 31 giugno 2021.

Agevolazioni ed esenzioni

È prevista l’esenzione per le automobili di proprietà di persone disabili che rientrano nei requisiti previsti dalla legge 104, i veicoli intestati a organizzazioni che non hanno scopo di lucro e le auto storiche ultratrentennali e le minicar.


Ti potrebbe interessare: Nuovo Codice della Strada 2020: tutte le novità

È prevista l’esenzione dal pagamento del bollo auto anche per i veicoli elettrici per i primi 5 anni dall’immatricolazione (in Campania il termine è esteso a 7 anni). Mentre per le auto storiche ultraventennali è prevista una riduzione del 50%.

Bollo auto 2021: come pagare

Già dallo scorso anno è possibile pagare il bollo con PagoPa, il sistema informatizzato della Pubblica Amministrazione. Il pagamento si può effettuare attraverso i canali sia fisici che online di banche e altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP), come ad esempio:

  • Home Banking;
  • presso i punti vendita Sisal e Lottomatica;
  • presso Poste Italiane, sia telematicamente sia presso gli uffici postali;
  • in alcune regioni con domiciliazione bancaria (ad esempio in Lombardia con lo sconto del 15%);
  • mediante gli ATM abilitati;
  • con il servizio pagoBollo del sito dell’ACI;
  • con app IO, non in tutte le Regioni;
  • tramite Satispay.

La verifica del pagamento del bollo auto degli anni precedenti può essere effettuata attraverso il sito dell’ACI.

× Hai bisogno di aiuto?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi